Toiano

#MyAbandonedPlaces: il borgo fantasma di Toiano



Adoro la urban exploration, ovvero visitare luoghi, paesi ed edifici in completo stato di abbandono. C’è qualcosa che mi affascina tantissimo nelle cose dimenticate, in rovina, decadenti. Le trovo maledettamente romantiche e allo stesso tempo misteriose, inquietanti… come se avessero dei segreti da nascondere, celati dalla natura che prende di nuovo il sopravvento.

Poco tempo fa mi sono recata a Toiano, un antico borgo abbandonato nel comune di Palaia, in provincia di Pisa. Ne avevo sentito parlare molto spesso come uno dei più affascinanti paesi fantasma nostrani, e devo dire che ha soddisfatto le mie aspettative. 

         Toiano    12570993_10153563436899900_737789782_n

12571222_10153563437419900_590489381_n

12571262_10153563434684900_1613225857_n

Le origini di Toiano risalgono all’alto medioevo e si accede al paese tramite un ponte, che un tempo pare fosse un ponte levatoio, date che in origine il borgo era un castello. Oggi il paese è disabitato (beh, quasi!) e segnalato nel censimento del Fondo per l’Ambiente Italiano dei luoghi del cuore da salvare.

Il borgo è piccolissimo, si trova tra le colline pisane e il paesaggio circostante è davvero suggestivo: non solo i campi e la campagna toscana, ma da qui si possono ammirare anche i calanchi e le balze tipici del Volterrano. Non a caso, infatti, il paese è anche conosciuto come Toiano alle Brota. Della serie, occhio a non sporgervi troppo dai punti panoramici! 😉

toiano     12575824_10153563437119900_1451071413_n

12571354_10153563433279900_733053865_n

12571394_10153563436839900_761257494_n

Toiano è un borghetto minuscolo: non ha uffici, farmacie, negozi… ha una sola via, la Via del Castello, larga circa 50 metri e fiancheggiata da due file di case, completamente in rovina. All’entrata nel paese ci sono anche una chiesa e un cimitero, anch’essi abbandonati… o almeno in parte: nel cimitero, quando ci sono stata io, c’erano dei fiori freschi, forse portati da qualche parente lontano dei vecchi abitanti del borgo.

—> LEGGI ANCHE: Il Tempio di Minerva Medica a Montefoscoli e la storia del vero dottor Frankenstein <—

Intorno al 1500 il paese ha vissuto un momento di vero splendore, a Toiano infatti abitavano circa 500 persone. nei secoli, però, gli abitanti hanno iniziato a lasciare il paese per cercare fortuna nelle grandi città, e dopo l’industrializzazione degli anni ’60 il flusso si è accentuato sempre più, fino a lasciare il paese completamente deserto.

 

12575713_10153563434949900_212935579_n


12576310_10153563424924900_703523779_n      12626027_10153563427484900_321380187_n

12583867_10153563434454900_2025873253_n

 12575943_10153563434139900_710302218_n

 

Gli edifici di Toiano sono tutti in rovina, a pezzi, gli ambienti degradati… tutti, o quasi. In realtà, qualcuno a Toiano ci vive ancora: c’è chi dice ci sia un solo abitante, chi due o tre. Il numero preciso nessuno è riuscito a dirmelo, ma qualcuno ci abita sicuramente: tra le proprietà sprangate o chiuse da reti metalliche, le mura e i tetti franati su se stessi, ho visto anche la famosa casa abitata. Non sono riuscita a scorgere o a parlare con chi era all’interno, ma il fumo del camino e i vasi pieni di fiori all’esterno non lasciavano trapelare dubbi sulla presenza di qualcuno.

Sempre che non sia opera del fantasma della Bella Elvira… Toiano infatti è tristemente legato all’omicidio di Elvira Orlandini, una giovane ragazza di 22 anni, il cui corpo senza vita fu trovato nei boschi vicino il paese nel giugno del 1947. All’epoca il caso fece molto scalpore, tanto che anche mia madre (nonostante non fosse neanche nata in quegli anni) conosceva la storia, perché sentita raccontare da una zia. Il colpevole dell’omicidio della povera Elvira, violentata e poi assassinata con un taglio alla gola, non è mai stato trovato. I sospetti ricaddero sul fidanzato, ma alla fine fu rilasciato per mancanza di prove. 

 

12575970_10153563433419900_286734541_n

 

12576284_10153563434269900_1975802394_n

 

12583867_10153563405754900_862825651_n

 

Sarà stata la triste storia della “bella Elvira”, il cimitero abbandonato, gli edifici a pezzi… ma passeggiare per Toiano è stata davvero un’esperienza surreale. Osservare questo posto è un po’ come entrare nella vita di chi, un tempo, ci abitava: in alcune case si possono ancora scorgere, tra i mattoni in pezzi e le macerie, vecchi mobili, sedie ribaltate, utensili da cucina, uno specchio. Toiano mi ha lasciata un senso di abbandono e tristezza difficile da descrivere a parole.

Tuttavia, c’è chi crede ancora nelle potenzialità di questo paese e lotta affinché non venga dimenticato: oltre al solitario abitante (o abitanti?) di Toiano, negli scorsi anni sono stati organizzati eventi per valorizzare il borgo, come “Aiuta Toiano ad avere il suo Natale”, che consisteva nel portare decorazioni natalizie nel borgo per colorare e ridare vita alla strada del paese. Negli ultimi tempi, inoltre, sono iniziati dei lavori di restaurazione per il rifacimento del ponte di accesso al borgo di Toiano. Chissà se questo splendido paesino riuscirà ad avere una nuova vita!

12576349_10153563437244900_1964562208_n    12625787_10153563433159900_1235681855_n


COME RAGGIUNGERE TOIANO: A circa 15-20 minuti di auto da Palaia e Montefoscoli, Toiano è raggiungibile percorrendo oltre 5 km lungo una strada larga circa 3 metri. Inutile dire che, se è la prima volta che visitate il borgo abbandonato, vi sembrerà di addentrarvi tra i boschi o di avere sbagliato strada, specialmente quando sentirete gli spari vicinissimi dei cacciatori 😀 . Non preoccupatevi, sopravviverete. Continuate lungo la strada stretta, ammirando gli speroni di tufo alti anche 40-50 metri (i calanchi) ai lati. Poco prima del piccolo cimitero sulla sinistra, cercate parcheggio lungo la strada. Noterete, infatti, che la via si restringe ed è anche chiusa da una sbarra: da qui non è possibile proseguire oltre con l’auto. Ecco, siete arrivati.

 

12571382_10153563434534900_1477407779_n

 

Se anche a voi piacciono i luoghi abbandonati, vi consiglio di visitare la pagina dell’interessante progetto #MyAbandonedPlaces sul blog Guenda’s Travels di Valentina (che ringrazio per aver avuto questa bella idea!) dove troverete una bella raccolta di tanti altri posti in rovina che vale la pena vedere descritti da altri travel blogger.

 

12583657_10153563413559900_818706590_n

 

Rimani aggiornato sull’uscita dei nuovi post e dei nuovi concorsi per viaggiare gratis:

 

Il borgo fantasma di Toiano

28 pensieri riguardo “#MyAbandonedPlaces: il borgo fantasma di Toiano

  1. Sai che non ho mai visto un borgo abbandonato? E dire che mi affascinano da morire! E poi tutte le storie che si nascondono tra le vie e le case, un misto di leggenda e verità…impazzirei in un posto così!😊 Non conoscevo questa iniziativa, #MyAbandonedPlaces… bellissima! Mi vado a leggere qualche articolo! Ciao!

    1. L’iniziativa è di Guenda’s Travels ed è carinissima, anche gli altri posti coinvolti sono molto interessanti 🙂
      Anche io non avevo mai visitato un intero borgo abbandonato prima di Toiano, ma è stato davvero suggestivo!

  2. Che bello adoro i borghi abbandonati per scoprire le tracce di un passato sconosciuto.
    Visiterò sicuramente Toiano appena sarò di nuovo in toscana ☺
    Le foto che hai scattato sono spettacolari

    1. Ti ringrazio tantissimo Roberta!
      Sì se capiti in Toscana Toiano direi che merita 🙂 fammi sapere se passi da queste parti!

      A presto 🙂

  3. Anche io amo esplorare paesini abbandonati, forse il loro fascino deriva proprio da quell’atmosfera di mistero in cui sono avvolti! Dal momento che abiti in Toscana, te ne segnalo uno non molto distante da te e che visitai anni fa. Si chiama Porciorasco e si trova in Liguria, nella Val di Vara. Ti piacerà 🙂

    1. Non lo avevo mai sentito, ma grazie mille per la segnalazione… quando ricapito in quelle zone vero di passarci, ho visto qualche foto su google e già mi piace 🙂 grazie!

  4. Molto affascinante.
    Calabria e Lucania sono pieni di paesini abbandonati molto caratteristici 🙂

  5. I paesi abbandonati come Toiano sono affascinanti e mi piacerebbe molto andare alla scoperta di alcuni di essi. In Italia ce ne sono molti.
    Bellissime le foto che hai scattato, danno dignità ad un luogo che un tempo è stato all’apice del suo splendore 🙂

    1. Ti ringrazio Anna! Sono una di quelle persone convinte che spesso una foto o un’immagine riesca a esprimere sensazioni e sentimenti più di tante parole… mi fa davvero tanto piacere sentire che in qualche modo sono riuscita nel mio intento. Grazie grazie 🙂

  6. anche io adoro passeggiare tra i luoghi abbandonati..è un pò un piacere macabro..ma come te penso ai segreti che nascondono…purtroppo il mio ragazzo non ne è per niente affascinato così non rientrano mai nelle nostre mete..siamo per caso capitati in una moderna città fantasma nell isola di molokai io mi sono goduta un sacco lui neanche un pò…
    hai mai sentito parlare di consonno? a me piacerebbe visitare questo tentativo di una vegas italiana..

    1. Ti capisco, anche al mio ragazzo non piacciono per niente queste cose, anzi, mi faceva venire l’ansia per tutto mentre esploravamo… “attenta a non mettere i piedi lì” “non entrare dentro eh!” e simili… non lo fa con cattiveria ovviamente, anzi, però a volte un po’ di spirito d’avventura ci vuole!
      Consonno l’ho scoperta proprio nei giorni scorsi perché un’altra ragazza me ne ha parlato proprio qui tra i commenti e ho guardato qualche foto… mi piacerebbe molto vederla!!

    1. Grazie Lucre! 🙂
      Pensa che quel giorno mi si è scaricata la macchina fotografica dopo due minuti che ero lì, quindi le ho fatte tutte col cellulare… è che quel borgo è magico, da vedere 🙂

  7. Che storia affascinante, da brividi lungo la schiena! Appena un paio di giorni fa ho letto una storia di un altro luogo fantasma che mi ha incuriosita: Consonno, in provincia di Milano. Ci sei mai stata?

    1. Non lo conoscevo, ma sono andata a vedere adesso qualche foto… wow :O mi informo sicuramente, a maggio sarò a Milano, magari riesco a farci una scappata!
      Grazie per la segnalazione!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.