Cosa vedere Matera in un giorno (1)

La dolente bellezza di Matera, la città dei Sassi

Da anni sentivo parlare di Matera come una città magica e affascinante, dove si respira quell’atmosfera un po’ romantica e decadente che io letteralmente adoro.
Anche i miei genitori volevano visitarla da sempre ma non ne avevano mai avuto l’occasione, e allora ho deciso di organizzare insieme a loro una brevissima fuga al sud per visitare la famosa Città dei Sassi, che il prossimo anno sarà anche Capitale Europa della Cultura 2019 e quindi ricchissima di eventi.

 

Come raggiungere Matera

Nonostante Matera stia pian piano diventando sempre più popolare tra i turisti, bisogna ammettere che non è molto semplice da raggiungere. La signora si fa desiderare!
Noi siamo atterrati all’Aeroporto di Bari, a circa 60 km da Matera, con un volo Ryanair pagato circa 40 euro a/r. Da lì avevamo tre opzioni: treno, bus, o auto a noleggio.
La prima opzione è stata scartata subito, in quanto la linea Bari-Altamura-Matera è a scartamento ridotto. Questo significa che non esistono treni regionali standard per raggiungere la Città dei Sassi, ma solo dei “trenini” non proprio conosciuti per la velocità (2 ore per percorrere 60 km!) e la puntualità. Oltretutto a quanto pare dal 18 luglio 2018 la stazione di Matera è stata chiusa per lavori straordinari, quindi la linea è interrotta.
I bus sembravano già più affidabili ma considerando che siamo atterrati la sera tardi a Bari, abbiamo preferito avere più libertà di movimento e noleggiare un’auto.
Prenotando una macchina presso uno degli autonoleggi dell’aeroporto, per esempio da Goldcar, i vantaggi sono molti di più rispetto a muoversi con i mezzi pubblici: oltre a non dover sottostare agli orari prestabiliti delle corse dei bus, abbiamo potuto lasciare i nostri trolley e gli oggetti personali nel bagagliaio dell’auto dopo aver fatto il check-out a Matera.
Il giorno dopo la visita a Matera, poi, siamo tornati verso Bari e abbiamo visitato Castel del MonteTrani Giovinazzo. A parte che non sarebbe stato fattibile questo itinerario in tempi decenti muovendosi solo con gli autobus, ma poi vi immaginate andare in giro a fare i turisti con i trolley appresso tutto il giorno? Un incubo!

 
cosa vedere matera 1 giorno       Cosa vedere Matera in un giorno (1)
 

Cosa vedere a Matera in un giorno

Vi avverto subito: Matera è uno di quei posti così sorprendenti da mozzare il fiato.
Sia la sua bellezza che la sua storia non potranno lasciarvi indifferenti.
Matera, infatti, è considerata la terza città più antica del mondo per continuità abitativa dopo Aleppo e Gerico: vanta ben 10.000 anni di storia “umana”. Al di là dei Sassi, infatti, per migliaia di anni l’uomo ha abitato in insediamenti rupestri tra le grotte delle scenografiche Gravine di Matera.

Nonostante poi la civiltà si sia evoluta e modernizzata, Matera è rimasta fino agli anni ’50 in una “bolla” isolata dal mondo. Nei famosi Sassi, scavati nella roccia calcarenitica, le persone hanno continuato a vivere in condizioni di arretratezza e degrado inimmaginabili, tanto da essere stata definita da Togliatti “vergogna nazionale”.
Nel 1952 gli abitanti dei Sassi furono sfrattati con la forza dalle loro abitazioni per essere ricollocati dallo Stato in quartieri periferici, e sono negli anni ’80 il centro storico comincia a riprendere vita. Adesso gran parte dei Sassi sono stati adibiti a B&B, ristoranti, musei e botteghe, e Matera nel 1993 è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità UNESCO per il suo “paesaggio culturale”.

 

Cosa vedere Matera in un giorno (1)

 

Cosa vedere Matera in un giorno (1)

 

Cosa vedere Matera in un giorno (1)
#caniliberi a Matera <3

Noi abbiamo iniziato la visita da una “particolarità nella particolarità”: la Cripta del Peccato Originale, considerata la Cappella Sistina delle chiese rupestri dell’altopiano della Murgia materana, a poco più di 10 km dal centro di Matera (altro buon motivo per avere l’auto a noleggio con Goldcar!).
Questa cripta nella roccia è ricca di splendidi affreschi di scuola benedettina-beneventana oggi in parte restaurati, tanto da essere conosciuta nella memoria popolare come la “Grotta dei Cento Santi”

 

—> TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Visita a Civita di Bagnoregio, la città che… vive! <—

 
Dopo la visita a questo gioiellino, che in qualche modo ci ha “iniziati” alle bellezze di Matera, ci siamo diretti verso i Sassi: non vi dico l’emozione e la gioia quando, finalmente, ci siamo affacciati dal Belvedere di Piazza Vittorio Veneto e abbiamo ammirato per la prima volta i Sassi. Si sente spesso dire che Matera ricorda un presepe, e non posso far altro che confermarlo. I Sassi ammassati l’uno sull’altro, le stradine tortuose, le suggestive case grotta… a Natale, quando viene davvero allestito il Presepe Vivente, l’atmosfera deve essere unica!
 

Cosa vedere Matera in un giorno (1)

 

Cosa vedere Matera in un giorno (1)

 
Nella centralissima Piazza Vittorio Veneto si trova anche l’entrata del Palombaro Lungo, ovvero la più grande cisterna idrica della Città dei Sassi, e con un po’ di fortuna ci imbuchiamo nell’ultima visita guidata della mattinata.
La cisterna, dalle pareti in tufo e rivestita di un particolare intonaco che la rende impermeabile, fa parte di un sistema di raccolta delle acque molto complesso che si estende al di sotto dei Sassi di Matera: è così che i cittadini si rifornivano di acqua, ed è questa una delle peculiarità che ha contribuito a far dichiarare Matera Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Sosta pranzo a base di salumi e formaggi locali, e via! si continua con l’esplorazione della città.
Ci incamminiamo per il Sasso Barisano, la zona di Matera più “moderna” in cui sono presenti edifici costruiti “artificialmente”, sempre assecondando, comunque, la morfologia della collina.
Visitiamo la Chiesa di San Giovanni Battista e, più in alto, il Monastero di Sant’Agostino, da cui si gode anche di una vista splendida sulla Civita, il rione più antico della città che divide Matera in due parti.
 

Cosa vedere Matera in un giorno (1)
Avvistata una Diletta selvatica a Matera.

 
 

Chiunque veda Matera

non può non restarne colpito,

tanto è espressiva e toccante

la sua dolente bellezza

 

                                      Carlo Levi

 
 

Cosa vedere Matera in un giorno (1)
Adoro i contrasti di colore di questo scorcio!

Tra sali e scendi ci ritroviamo a passeggiare in Via Madonna delle Virtù, il viale che costeggia lo scenografico canyon di Matera, attraversato dal torrente Gravina. Da qui si gode di una vista meravigliosa sul Parco archeologico della Murgia materana, disseminato di chiese rupestri visitabili solo tramite tour organizzati.
Dopo qualche scatto al canyon ci avviamo verso il punto di incontro con la nostra guida. In genere mi piace essere autonoma quando sono in viaggio, ma Matera è un vero labirinto: per evitare di girare a vuoto, ma soprattutto per non perdere qualcosa di importante, abbiamo deciso di partecipare a una visita guidata. Non potevamo fare scelta più azzeccata!
Per oltre 2 ore la nostra guida (non ricordo il nome, sorry!) ci ha condotti alla scoperta del Sasso Caveoso, il rione più suggestivo di Matera. E’ qui, infatti, che si trovano la maggior parte delle case scavate nella roccia e rimaste perlopiù intatte rispetto al passato, quelle che vediamo in tutte le cartoline di Matera.

 

Cosa vedere Matera in un giorno (1)
Il canyon del Parco della Murgia Materana

Cosa vedere Matera in un giorno (1)
Le antichissime grotte del Parco Archeologico

Insieme al gruppo visitiamo altre chiese rupestri, una Neviera (qui in inverno si raccoglieva la neve, la quale aveva doppio uso: la conservazione dei cibi, e la vendita di ghiaccio in estate!) e la storica Casa Grotta di vico Solitario. La visita a una casa grotta secondo me è importante se volete comprendere gli usi e costumi degli abitanti dei Sassi nel passato: in spazi davvero minimi convivevano famiglie numerosissime insieme a maiali, asini, polli e galline, in condizioni igienico-sanitarie a dir poco disastrose, e così è stato fino agli anni ’50.
Il tour poi, tra punti panoramici, la visita alla Cattedrale di Matera e alla suggestiva Chiesa dei Santi Pietro e Paolo (conosciuta popolarmente come la Chiesa di San Pietro Caveoso), si è concluso in una bottega artigianale in cui lavorava un ragazzo simpaticissimo che ci ha raccontato qualcosa in più sui timbri per il pane, uno dei simboli dell’arte pastorale della Murgia materana, la Pupa di caciocavallo e il cucù di Matera, il tipico fischietto di argilla a forma di gallo. 

 

Cosa vedere Matera in un giorno (1)
Scorcio sulla Chiesa di San Pietro Caveoso

Cosa vedere Matera in un giorno (1)

 

Cosa vedere Matera in un giorno (1)

 
Per le 18:30 circa siamo di nuovo in Piazzetta Pascoli, il punto in cui è iniziato il tour. La piazza è stata chiamata così proprio perché nel Palazzo Lanfranchi, che un tempo ospitava il liceo classico della città, ha insegnato per qualche anno Giovanni Pascoli.
E’ l’orario perfetto: dal Belvedere della piazzetta, infatti, si possono scattare foto meravigliose ai Sassi… riuscite a immaginare quanto possa essere emozionante questa vista al crepuscolo, con le luci che si accendono e illuminano le casette di tufo?
Una meraviglia unica al mondo! 

Dato che eravamo lì, incuriositi dal viavai di gente che entrava e usciva, ci siamo affacciati all’interno del Palazzo e siamo riusciti ad ammirare le foto esposte in occasione della mostra “10 Fotografi per 10 Musei“, inaugurata proprio quella sera. Mentre io mi occupavo del servizio fotografico ai Sassi :’) i miei genitori hanno visitato gratuitamente anche il primo piano del Museo nazionale d’arte medievale e moderna della Basilicata all’interno del Palazzo, dove sono esposti anche alcuni dipinti di Carlo Levi.
Dopo cena, invece, abbiamo fatto un altro giro per le viuzze del centro storico, addobbate con le luminarie tipiche delle feste patronali del sud: Matera infatti in quei giorni si preparava a celebrare i Santi Medici Cosma e Damiano. Peccato non essere stati lì proprio in occasione dei festeggiamenti!

 

Cosa vedere Matera in un giorno (1)
No caption needed.

Cosa vedere Matera in un giorno (1)
Matera addobbata a festa

 

Dove dormire a Matera

Visto che viaggiavamo con l’auto a noleggio, abbiamo deciso di non dormire nei Sassi (anche se sarebbe stata un’esperienza unica), bensì leggermente fuori dal centro storico di Matera. La scelta è ricaduta su Villa Eletti, una casa vacanze a circa 10 minuti a piedi da Piazza Vittorio Veneto. L’appartamento è nuovissimo, molto spazioso e luminoso e può ospitare comodamente fino a tre persone. La colazione confezionata si trova nella cucina a disposizione degli ospiti a qualsiasi ora, e l’appartamento ha tutto il necessario per soggiorni sia brevi che lunghi: asciugamani puliti, set di cortesia da bagno, pentole e utensili da cucina, acqua e succhi freschi a disposizione in frigorifero, tv di ultima generazione e aria condizionata in ogni stanza! Il parcheggio poi si trova tranquillamente lungo la strada, e i proprietari sono super gentili e disponibili. Dire che ci siamo trovati bene è riduttivo!
 

Informazioni utili

  • La Cripta del Peccato Originale è visitabile solo previa prenotazione online sul sito ufficiale. L’ingresso costa 10 €, la visita dura circa mezzora ed è necessario presentarsi 30 minuti prima dell’orario di ingresso selezionato per ritirare i biglietti presso l’azienda agricola che gestisce il sito. Una volta completato l’acquisto per email vi verranno inviate le indicazioni stradali per raggiungere il luogo.
  • Il Palombaro Lungo è visitabile solo con guida a orari prefissati. Le visite partono ogni ora dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 20, ma vi consiglio di controllare direttamente in loco eventuali cambi di orario. L’ingresso costa 3 € e la visita dura circa 20 minuti.
  • Per la visita guidata del Sasso Caveoso noi ci siamo rivolti al tour operator Martulli Viaggi. Il giro turistico di oltre 2 ore ci è costato 15 € a testa, un prezzo decisamente onesto se consideriamo che, oltre alla simpatica guida, nel tour era compreso anche l’ingresso alla Casa Grotta di Vico Solitario, la Neviera, la Grotta naturale e la Chiesa rupestre San Pietro in Monterrone (che altrimenti sarebbe costato 3 €). L’agenzia vende anche molti altri tipi di tour, come quello in ape calessino, trekking guidato nel Parco della Murgia materana e molto altro.
  • Il Museo nazionale d’arte medievale e moderna della Basilicata di Palazzo Lanfranchi è visitabile tutti i giorni dalle 09 alle 20, tranne il mercoledì che è aperto dalle 11 alle 20. L’ingresso costa 3 €.

 

Cosa vedere Matera in un giorno (1)
Matera e l’ape calessino 🙂

 

E VOI SIETE MAI STATI A MATERA?
VI E’ PIACIUTA? COS’ALTRO AVETE VISITATO IN BASILICATA?
FATEMI SAPERE NEI COMMENTI!

 
AEREO

 

Rimani aggiornato sull’uscita dei nuovi post e dei nuovi concorsi per viaggiare gratis:

 

 

La dolente bellezza di Matera, la città dei Sassi: cosa vedere in un giorno

7 pensieri riguardo “La dolente bellezza di Matera, la città dei Sassi

  1. L’atmosfera che si respira in questo luogo è suggestiva, magica. Matera è unica. Il continuo interesse suscitato negli ultimi anni da questa città è giustificato e meritato. Meritato non solo per le bellezze artistiche che si possono visitare, ma anche per la cucina che si può apprezzare. Rileggendo il tuo articolo ho ripercorso con la mente la visitata fatta qualche anno fa, ancora ben salda nella mia mente.

    1. Hai proprio ragione, sai? A Matera ho mangiato benissimo, dai primi ai formaggi e i salumi… poi qui ho assaggiato per la prima volta i peperoni cruschi. Ma quanto sono buoni?!

  2. Uno dei motivi per cui non sono ancora stata a Matera è perché è collegata male… Mannaggia a lei… Ma è nei miei travel dreams da sempre quindi prima o poi dovrò decidermi a essere meno pigra 😬 Ho sentito parlare bene anche di Craco… Ecco, se andassi in Basilicata farei queste due tappe!😊
    Ciao Diletta, buona giornata!

    1. Ciao Alessia,

      Sai che Craco non la conoscevo? Ho guardato qualche foto su Google e sembra un po’ una piccola Matera. Sarebbe da vedere in effetti!
      Peccato che, appunto, non sia comodissimo viaggiare verso quelle zone. Se mai ci andrei però voglio leggere i tuoi articoli perché sembra un posto interessante!

      Buona giornata anche a te 🙂

  3. Ciao Diletta, il tuo articolo mi è piaciuto molto, perchè mi hai riportato alla mente bellissimi ricordi.

    Nulla da dire, Matera merita di essere visitata almeno una volta. Quando ci sono andata, non era famosa come lo è oggi, ma lo splendore è unico. Bellissimi i Sassi e le stradine che si inerpicano sulla collina. Ottimo il cibo, in primis il pane e i peperoni cruschi, oltre a tutti i latticini.

    Consiglio anche una visita al vicino Lago di Monticchio.

    Cosa non mi è piaciuto? Per arrivarci sono dovuta arrivare all’aeroporto di Bari e noleggiare un’auto per poi partire per la Basilicata.

    Ho letto che stanno potenziando la rete ferriovaria, speriamo bene. Grazie per le bellissime emozioni che mi hai fatto rivivere.

    1. Ciao Roberta,

      Grazie mille per il tuo commento, sono contenta che il post ti abbia fatto tornare alla mente dei bei ricordi 🙂

      Anche la guida locale ci ha confermato che stanno riprendendo i lavori alla linea ferroviaria, ma pare che non saranno ultimati prima del 2021. Poi si sa, con le tempistiche italiane… chissà come andrà a finire!

      In ogni caso Matera merita davvero, anche se non è semplice da raggiungere.

      Ti auguro una buona giornata,

      Diletta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.